Paolo Fogliato

 

 

 

Paolo Fogliato è ,senza alcun dubbio, il Direttore carismatico del Coro Alpino Eporediese.

Nasce ad Ivrea l'11 settembre 1930.

Un musicista amico di famiglia gli insegna musica, pianoforte e fisarmonica, strumento per cui ha una profonda predisposizione. Poco dopo la fondazione del Coro Alpino Eporediese, nei primi anni 50, entra a farne parte prima come collaboratore, poi come corista e nel 1954 come direttore.

Inizia a suonare in orchestrine ai balli per le feste di paese ed ai tè danzanti, molto in auge a quell'epoca in tutto il Canavese. In queste orchestre incontra musicisti dell'orchestra Sinfonica di Torino e qui viene indirizzato a studiare anche il contrabbasso che suonerà in complessi jazz, alcuni dei quali da lui stesso diretti.

Collabora anche ad un'iniziativa promossa dal Coro Polifonico di Ivrea diretto da Don Antonio Nigra, accompagnando strumentalmente i Negro Spirituals e registrando anche un disco per la Cetra.

Nell'attività corale fu autodidatta "una specialità" abbastanza distante dalla musica che prediligeva, ma che lo interessò così tanto da occuparne gran parte del suon tempo libero.

Entrato a far parte del Coro Alpino Eporediese, viene invitato ad armonizzare canti del folklore canavesano e piemontese da Silvio e Sergio Mondolfo.

Ben 45 sono le sue armonizzazioni (alcune delle quali sono presenti nel libro "CANTARE LA MEMORIA DEL TEMPO" di Beppe Torchio)

     

Viene nominato direttore del CAE nel 1954 e mantiene questa funzione, seppur con qualche breve interruzione, fino a dicembre 2010 (più di 55 anni di attività).

E' stato un periodo molto importante per il Coro Alpino Eporediese corredato da tanti successi: vittoria a Genova nel 1970, vittoria a Praga nel 1992, celebrazioni di Anniversari importanti, concerti in Italia ed all'estero, registrazione di dischi , cassette, Dvd.

Tutti successi ottenuti grazie alla volontà ed all'impegno di tutti coristi, della dirigenza, ma soprattutto alle grandi qualità artistiche e morali del Suo Direttore.

Paolo Fogliato ha dimostrato verso il Coro ed i coristi un grande senso di amicizia, un notevole impegno, grande determinazione, indiscusso carisma, capacità artistiche non indifferenti, grande serietà professionale, profonda conoscenza musicale e soprattutto molta modestia.

Sono queste qualità sempre più difficili da trovare e quindi sempre più ricercate.

Recentemente, a seguito dei problemi che il coro Alpino Eporediese sta attraversando, Paolo ha accettato, con entusiasmo e grande disponibilità, di assumere all'inizio di marzo 2016 di nuovo la direzione del nostro coro, dimostrando un attaccamento notevole nei nostri confronti.

 

Il Coro Alpino Eporediese, la Dirigenza e tutti quelli che ci sono stati vicini desiderano ringraziare questo umile ma grande direttore che ci ha fatto trascorrere momenti indimenticabili e che non mancherà di sostenere il nostro coro in futuro e che sarà sempre in prima fila ad offrirci il suo aiuto prezioso qualora ce ne fosse bisogno.

Grazie Paolo

 

 

Home page